Archivio del mese di gennaio, 2006

Passeggiata al Rifugio Graziani

Il giorno 11 settembre 2005, un piccolo gruppo della nostra AVIS comunale, si è incolonnato con tre auto in direzione del casello autostradale di Affi per uscire subito a quello di Ala-Avio in provincia di Trento.

Il tempo non dava tante speranze ma salendo i tornanti, qualche raggio di sole faceva capolino tra le nuvole.

Passeggiata al rifugio Graziani

Arrivati al parcheggio del rifugio Graziani mt.1.620 …la pioggia non ha dato scampo.

I dieci giovani partiti con tanta voglia di vedere il panorama mozzafiato che offre il monte Altissimo a mt.2.079 a strapiombo sul lago di Garda, si sono purtroppo dovuti sedere al bar del rifugio per fare una lunga colazione.

Verso le ore 11 la pioggia ha lasciato scattare la foto ricordo, ma la meta primaria era ancora minacciosamente coperta.

Sereno e luce arrivavano invece da sud, in direzione di Novezza (VR). La tappa di località Bocca Navene ha permesso di intravedere uno scorcio del lago e qualche altra foto è stata scattata.

Le tre auto si sono poi fermate definitivamente a Novezza dove una piccola camminata tra i boschi, ha salvato il salvabile. Con tutta la pioggia dei giorni prima, non sono mancati i piacevoli incontri con varie specie di funghi.

L’ultima tappa al piccolo paese di Spiazzi, è servita per offrire ai partecipanti, a nome del gruppo AIDO, una bibita e per fare la solita propaganda pro donazione di sangue ed organi.

Ricordiamo che alla partenza erano state distribuite gratuitamente le bellissime magliette del gruppo giovani AVIS-AIDO di Lazise.

Concorso grafico alle scuole medie

Nel secondo incontro alle scuole medie di Lazise, svoltosi il 27/04/02, è stato bandito un concorso grafico per i ragazzi che dovevano concretizzare, su carta, la loro idea di “Donare è salvare vite umane“, “Donare è gioia“.

Nella giornata del donatore, svoltasi il primo giugno 2002, c’è stata l’esposizione dei lavori ed una festa con gli alunni ed i loro genitori, gli insegnanti e vari amici dell’ Avis.

Dagli elaborati è emersa l’attenzione prestata dagli alunni agli incontri svoltisi a scuola con l’ Avis e la fantasiosa e ricca realizzazione dei valori proposti, inseriti in disegni curati e recanti messaggi sul “donare”.

La fatica e l’impegno dei ragazzi, sono stati premiati con la consegna di materiale didattico alle singole classi partecipanti, senza dimenticare la festa con risottata che l’ Avis ha organizzato per tutti i presenti all’esposizione dei disegni.

Propaganda alle scuole medie

Nell’anno scolastico 2001/2002 sono stati organizzati due incontri con i ragazzi delle scuole medie: nel primo, avvenuto il 02/02/02 c’è stato un continuo colloquio tra i ragazzi ed il nostro presidente cav. Faccioli Giovanni fra domande e risposte, curiosità ed informazioni.

Ai ragazzi è stata consegnata una grossa busta contenente del materiale informativo e propagandistico: un righello con i simboli ed i numeri di tel. dell’ Avis e della Fidas e lo slogan: “Il dono del sangue?…non si misura mai!…”;

righello

una penna con i simboli ed i numeri di tel. dell’ Avis e della Fidas; un libretto intitolato “verso i tuoi 18 anni” che riassume la videocassetta vista nel secondo incontro e che illustra principalmente la composizione e la funzione del sangue , indica i primi passi da fare per diventare donatore ed una illustrazione che invita a parlare di donazione anche in casa con i genitori; l’elenco dei consiglieri dell’ Avis comunale di Lazise con i relativi numeri di tel.; un volantino pieghevole invitante a diventare donatore di sangue, di organi e di midollo osseo; infine un quadernone avente nelle prime e nelle ultime due pagine delle spiegazioni sul sangue, in simpatico fumetto di “Pepito”, il ragazzino futuro donatore, e vari inviti a diventare donatore di organi e di midollo osseo.

VolantinoPepito

Tutto questo materiale è stato offerto dall’assessorato al bilancio e finanze e servizi sociali della provincia di Verona, dall’ Avis provinciale di Verona e dalla Fidas provinciale di Verona.

Il nostro presidente era accompagnato da prof. Rodolfo Callegaro, rappresentante del locale gruppo Aido.

Il secondo incontro, il 27/04/02, si è svolto principalmente con la proiezione della videocassetta informativa sul sangue, sulla sua vitale importanza e sul fondamentale principio di donarlo, il tutto spiegato con un cartone animato molto coinvolgente ed allo stesso tempo divertente. Dopo la proiezione c’è stato spazio per varie domande da parte dei ragazzi risultati molto interessati.

Questa volta il nostro presidente era accompagnato dal consigliere Andrea Giuliari e dalla amica dell’Avis Maria Fiorella Azzali, nonché presidente della locale associazione “San Martino in Calle” (www.sanmartinoincalle.it), che si occupa nel territorio comunale di mettere a disposizione stampelle, treppiedi e carrozzelle a persone temporaneamente in difficoltà per problemi ortopedici.

Il contatto tra la nostra comunale e le scuole medie è continuo perché riteniamo essenziale far capire ai ragazzi l’importanza del volontariato e del dono del sangue. Con il loro aiuto poi, speriamo che il messaggio Avis arrivi ai loro familiari; genitori, zii, nonni, tutti potenziali donatori.

Contributi per il presepe

Nel periodo di Natale viene allestito un grande presepio nella chiesetta di S. Nicolò sul porto vecchio di Lazise.

Il gruppo di lavoro è formato da ragazzi più o meno giovani, tanti dei quali sono donatori di sangue.

Viste le dimensioni ed il grande impegno anche economico, come AVIS comunale, contribuiamo alla spesa con circa 250 euro.

Il nostro fine è quello di sostenere una bella tradizione ed allo stesso modo un’iniziativa dei donatori di sangue che dimostrano un impegno sociale presente anche in parrocchia.

Il contributo è stato elargito per gli anni 1998, 1999, 2000 e 2001 e ne vediamo qui di seguito i lavori realizzati.

Coppe offerte dall’AVIS

In molti tornei che vengono svolti nel comune di Lazise, noi del gruppo AVIS acquistiamo alcune coppe o trofei da mettere in palio per i vari vincitori.

Oltre a sponsorizzare solitamente una delle squadre (la cifra è solitamente irrisoria e si tratta di coprire la spesa dell’iscrizione e qualche volta si tratta di acquistare una decina di magliette stampate con il simbolo dell’AVIS, seguito da un breve messaggio), viene apposta una targhetta sulla coppa o trofeo, indicante il simbolo dell’AVIS, il posto raggiunto in classifica, il luogo e la data del torneo.

I tornei possono avere varie dimensioni e durate e, comunque, la martellante propaganda da parte dello speaker assicura una notevole pubblicità per la nostra associazione per tutta la durata della manifestazione.